COMO E COMASCO – Da mercoledì 3 marzo in Lombardia si allarga la zona arancione rafforzata per contrastare il diffondersi del Covid e delle varianti. Ecco tutte quello che c’è da sapere.

Dove
Saranno arancioni rafforzate Como e l’intera provincia. Diciotto comuni in provincia di Mantova (Viadana, Pomponesco, Gazzuolo, Commessaggio, Dosolo, Suzzara, Gonzaga, Pegognaga, Moglia, Quistello, San Giacomo delle Segnate, San Benedetto Po, Asola, Castelgoffredo, Casaloldo, Medole, Casalmoro, Castiglione delle Stiviere), otto in provincia di Cremona, oltre al capoluogo (Spinadesco, Castelverde, Pozzaglio ed Uniti, Corte dei Frati, Corte de’ Cortesi con Cignone, Spineda, Bordolano e Olmeneta), dodici in provincia di Pavia (Casorate Primo, Trovo, Trivolzio, Rognano, Giussago, Zeccone, Siziano, Battuda, Bereguardo, Borgarello, Zerbolò, Vidigulfo) e dieci in provincia di Milano (Motta Visconti, Besate, Binasco, Truccazzano, Melzo, Liscate, Pozzuolo Martesana, Vignate, Rodano, Casarile).

Le regione
– non è possibile spostarsi tra Comuni diversi se non per motivi di salute, lavoro o necessità comprovati dall’autocertificazione
salva però la la deroga per i piccoli Comuni (entro i 5 mila abitanti), che permette di spostarsi entro un raggio di 30 chiloemtri evitando il capoluogo di Provincia
– consentiti gli spostamenti all’interno del proprio Comune, con la raccomandazione di limitare al minimo qualsiasi spostamento non necessario
– non si può raggiungere le seconde case, anche se all’interno della Regione. Da fuori, non è possibile raggiungere la seconda casa se si trova in zona arancione rinforzata (o rafforzata)
– smart working per la Pubblica amministrazione
– scuole di ogni ordine e grado chiuse (nidi esclusi) e didattica a distanza al 100%.

(foto archivio)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome