CERIANO LAGHETTO – SARONNO – Lo scorso fine settimana ha visto rinnovare l’ormai tradizionale impegno per i volontari di associazioni e gruppi che hanno battuto macchie erbose come zone boscose a ridosso della tratta ferroviaria Saronno-Seregno di Trenord.
Si tratta di un’area vasta che serpeggia allungandosi accanto il tratto ferroviario compreso tra la Cascina Colombara – quartiere periferico a cavallo tra Saronno e Solaro – fino ad arrivare a Ceriano Laghetto. La zona è divisa tra le province di Varese per la città di Saronno, Milano per Solaro e Monza e Brianza per Ceriano Laghetto, un particolare che aumenta le difficoltà gestionali a livello della sfera pubblica.
Oltre alle particolarità elencate, l’area è da tempo divenuta punto d’incontro tra domanda e offerta di sostanze stupefacenti: i “pusher” che sostano in accampamenti di fortuna diventano meta del pellegrinaggio dei tossicodipendenti che arrivano da tutta la regione e oltre, in buona parte utilizzando proprio il trasporto pubblico. Di sfondo allo spaccio, boschi e aree verdi divengono discarica a cielo aperto di resti alimentari, falò spenti, oggetti di possibile provenienza furtiva come biciclette, rifiuti di vario genere, fino alle siringhe usate.
Obbiettivo primario dei cittadini è stata la pulizia delle aree e, in seconda, creando movimento “buono” si è fatta un’azione di disturbo sullo smercio illegale e ciò che gli gravita attorno, allontanando così spacciatori e clienti.
Tra i volontari erano presenti anche il sindaco di Ceriano Laghetto, Roberto Crippa, e il vicesindaco nonchè coordinatore dei sindaco lombardi della Lega, Dante Cattaneo.
“Anche questa volta – commenta Crippa – abbiamo recuperato quintali di rifiuti, ce n’erano anche di pericolosi, comprese delle bombole del gas! Oltre a bici, tavoli, tende, sacchi a pelo, anche pentole e posate. Grazie ai giovani del gruppo della Lega Brianza ed a tutti i volontari che hanno prestato il loro tempo per questa battaglia contro il degrado!”.
I rifiuti raccolti sono stati smistati per poter essere smaltiti dalla nettezza urbana.
“Le nostre aree boschive, ed in particolare quelle del Parco Groane, sono un “sito di interesse comunitario – dichiara Cattaneo – ma sulla carta in realtà siamo di fronte ad una cloaca a cielo aperto. Non posso che ribadire quel che dico sempre, liberiamo questo territorio, subito restituendolo ai cittadini che così non ne possono fruire”.

27012020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome