GERENZANO – L’oratorio “Filippo Neri” di Gerenzano conforta la popolazione: “Con l’aiuto di Dio andrà tutto bene”, aggiungendo qualcosa a quel celebre slogan che sta colorando finestre, balconi e cancellate. Non è insolito notare, tra le strade cittadine, lenzuoli colorati, un invito a rimanere positivi e non perdere la speranza in un periodo tanto buio: “Andrà tutto bene”. Tuttavia, l’oratorio di Gerenzano – nello striscione esposto sulla recinzione – ha preferito porre una piccola aggiunta, con l’intento di completare quella frase che a molti è parsa incompleta: “Con l’aiuto di Dio tutto andrà bene” su uno sfondo arcobaleno – simbolo dell’alleanza tra il Divino e gli uomini, un invito a ricordare di non essere soli nella difficoltà.
Il messaggio, come spiega l’oratorio, non è di ottimismo, ma di speranza: “Non è la convinzione che qualcosa possa riuscire meglio, ma la certezza che qualsiasi cosa abbia senso, indipendentemente dalla sua riuscita”.

E’ complicato credere fermamente che tutto possa andare bene per coloro che stanno vivendo momenti di massima difficoltà, per gli operatori sanitari, per coloro che hanno perso i cari o, semplicemente, vivono nella paura della pandemia. A costoro i sacerdoti, educatori e volontari della struttura di via Oratorio spiegano il significato del proprio striscione: “Gesù non è venuto per risolvere i problemi dell’uomo, ma per accompagnare ed orientare l’uomo alla soluzione di questi. Seguire Gesù significa mettersi nella posizione più idonea per stare di fronte a ciò che capita”. “Non possiamo stare di fronte a una cosa così immensa e imprevedibile come questa pandemia, con un ottimismo vuoto, minimizzandone la portata. Saremmo degli ingenui.” Chiarisce l’oratorio, “La cosa più ragionevole allora è chiedere, implorare supplicare che Dio ci accompagni”. Per la Settimana Santa, dunque, questo gesto di speranza rimarrà affisso alla recinzione dell’oratorio.

09042020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome