GERENZANO – L’assessorato alla Cultura invita tutti, sabato 1 febbraio alle 21, ad assistere alla brillantissima commedia “Il tacchino” di Georges Feydeau, proposta dalla Compagnia teatrale “Gli amici del teatro” di Venegono Inferiore al teatro Filippo Neri. Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

Trama
Luciana, giovane moglie di un notaio parigino, si vanta di essere moglie fedele anche se corteggiata da diversi spasimanti: l’insistente Pontagnac e il ricercato Redillon. Nonostante le tentazioni, è sicura della sua virtù e non tradirà mai suo marito a meno che non scopra il suo tradimento. In quel caso Luciana dichiara che non ci penserebbe due volte a rendergli pan per focaccia. Entrambi gli spasimanti si rendono disponibili e sperano ardentemente che il marito tradisca la moglie.

Vatelin, il marito, pare essere integerrimo da questo punto di vista. Proprio il giorno della visita di Pontagnac capita a Parigi una sua vecchia amante conosciuta a Londra, Meggy Soldignac che, pur sposata, spera di riallacciare l’avventura per la sua settimana di permanenza a Parigi. Meggy non sa che Vatelin è sposato e, una volta scopertolo, minaccia il suicido se non acconsentirà a passare la serata con lei e a tornare ad essere il suo amante.
In quel momento arriva il marito di lei che sa delle tresche della moglie e vuole chiedere il divorzio. Farà seguire Meggy dal commissario di polizia e la sorprenderà con l’amante. Congedato il marito, Vatelin deve avvertire Meggy del pericolo e cambiare il luogo dell’appuntamento, per questo chiede consiglio a Pontagnac che subito rivela a Luciana che il marito sta per tradirla.

Tutti si danno segreto appuntamento all’albergo scelto per l’incontro clandestino e in una girandola di equivoci Luciana scopre il tradimento del marito e decide di vendicarsi, ma con Redillon, non con Pontagnac! Il marito la segue fino a casa di Redillon dove, anche grazie a Pontagnac, riesce a spiegarsi e a riconciliarsi con la moglie. Alla fine solo Pontagnac resterà a becco asciutto come un “tacchino”.

27012020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome