ORIGGIO – “Nei passati 5 anni con la precedente amministrazione, tra incontri, consigli comunali aperti alla cittadinanza, studi sulla viabilità, sembrava esserci una soluzione vicina ma poi nessuna vera decisione. Certo una diversa visione delle cose è legittima da un’amministrazione all’altra ma si continua a girare intorno al problema senza dare una soluzione. L’attuale amministrazione si affida al limite dei 40 all’ora in via Cavour e 30 all’ora in via Dante Alighieri ma le criticità rimangono”. Lo affermano gli esponenti della lista civica di opposizione Origgio 2020.

Proseguono dalla civica: “A nostro avviso la soluzione è il senso unicoin quella che è la via centrale del paese, come quando in alcuni punti si incontrano 2 pullman o 2 furgoni, oppure quando a lato carreggiata si trova un ciclista oppure un pedone. Percorrendo la via principale di Origgio ci si può rendere conto della situazione, sopratutto da pedoni, con automobili che sfrecciano incuranti ad alte velocità. Ma come si fa a controllare che venga rispettato il nuovo limite?Rilevatori autovelox? Dossi stradali? “Non è mai successo niente” si dice, ma non dobbiamo aspettare l’incidente, la tragedia, il morto da piangere bisogna agire con coraggio, ma forse l’amministrazione comunale ha paura di perdere consensi con quella che è una decisione “scomoda” per alcuni e quindi si utilizzano rimedi più “comodi”, per tamponare momentaneamente il problema tanto per dire “Qualcosa abbiamo fatto!”. Inoltre molte strade del nostro comune sono diventate un grande circuito automobilistico e motociclistico con sorpassi azzardati e manovre pericolose, non si tiene nemmeno ormai conto dei semafori!Non possiamo fare altro che continuare a sperare nella “buona sorte” e nel buon senso di alcuni conducenti dei vari mezzi che impegnano le nostre strade”.

30112021

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome