UBOLDO – Tra le difficoltà incontrate dai carabinieri guidati dal capitano Pietro Laghezza per raccogliere le prove necessarie a sgominare la banda di 9 persone che spacciava cocaina, hashish e marijuana, anche nelle scuole, c’è stata quella di avere riscontri dai clienti visto che la violenza dei tre fratelli, tra cui il fashion blogger attivo in campo musicale Oscar Scali, aveva creato una rete di paura che i militari hanno dovuto smantellare maglia dopo maglia.

Tutto è iniziato nel dicembre 2018 quando in pieno centro i militari arrestarono due saronnesi, un 47enne ed un 21enne, con in casa 9 chili di marijuana. Nel corso delle prime indagini, non senza qualche fatica proprio per la paura dei due arrestati emerse il nome dei fornitori. L’identificazione non è stata semplice anche perchè, come detto, il trio avevano fama di essere particolarmente violento ed aggressivo tanto che clienti, gregari e vittime avevano paura ad attribuire responsabilità.

Guidati dal numero uno del Nor Andrea Abis, i carabinieri hanno ricostruito anche la violenta reazione dei trio alle proteste di un cliente per la scarsa qualità della merce. Recatosi a casa dei fratelli nel cuore di Uboldo l’acquirente si era ritrovato con un’accoltellata e tanto terrorizzato che aveva sostenuto coi militari di essere stato vittima di una rapina. Ma la telecamera e le intercettazioni hanno ripreso contribuendo all’arresto dell’intera banda.

(foto dell’operazione che si è tenuta venerdì mattina)

12072020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome