CASTIGLIONE OLONA – “Veniteci a trovare!” Questo il messaggio che giunge dall’Amministrazione civica di Castiglione Olona, con il paese che torna ad aprirsi ai turisti.

I lombardi che vogliano tuffarsi in un suggestivo angolo di Toscana, senza oltrepassare i confini regionali, possono viaggiare verso Castiglione Olona, borgo in cui leggere alcune pagine eccezionali del Quattrocento, a partire dagli affreschi di Masolino da Panicale, fino alle opere di altri autori fiorentini e senesi come Paolo Schiavo, Lorenzo di Pietro detto il Vecchietta, Neri di Bicci e Apollonio di Giovanni.

Nell’insicurezza di questi tempi difficili, la certezza dell’arte a pochi passi da casa è una risorsa per la mente e lo spirito. Durante il prossimo fine settimana, ma anche il 2 giugno, saranno aperti e visitabili tutti i luoghi castiglionesi della cultura: Museo Branda Castiglioni, il [MAP] Museo Arte Plastica, il Museo della Collegiata con i suoi spazi museali, il Battistero, la Chiesa di Villa.

Le modalità di accesso, studiate per garantire elevati livelli di sicurezza, sono riassunte in calce alla comunicazione: direttive precise che non annullano il piacere della visita, ma anzi consentono di assaporare tesori d’arte e di storia in una situazione privilegiata, quasi esclusiva, a causa dei divieti d’affollamento.

E per chi voglia ritemprare anche il corpo, c’è la possibilità di percorre un tratto della Via Francisca del Lucomagno, antico cammino di pellegrinaggio recentemente riattivato.
Il borgo si attraversa agevolmente a piedi; ben collegato, tramite una pista ciclabile, ad altre realtà archeologiche e artistiche di notevole interesse, può essere partenza di un itinerario, ricco di soste d’interesse, nel verde della Valle Olona.

02062020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome