VENEGONO INFERIORE – Lettera ai concittadini del sindaco di Venegono Inferiore, Mattia Premazzi, perchè tutti “tengano duro” in questi giorni difficili dell’emergenza coronavirus.

Sono giornate difficili per tutti, da oggi sono in vigore le nuove restrizioni a Venegono e anche in tutta Italia, con la mia ordinanza e quella di questa sera del ministero della salute, che vietano le attività ricreative all’aperto se non in prossimità di casa. Da oggi ricominceranno sul nostro territorio anche i controlli delle forze dell’ordine! Ieri ho voluto scendere in strada in prima persona: ho visionato le attività della polizia locale che ringrazio, per le attività straordinarie che svolgono e svolgeranno nei prossimi giorni; ho affiancato i ragazzi della protezione civile, che ormai da settimane girano per il paese con gli annunci e portando viveri e medicinali ad anziani e bisognosi, sono persone instancabili, generose e coraggiose, dai più esperti ai più giovani, tutti impegnati gratuitamente per la comunità. Come anche i dipendenti comunali, che continuano a lavorare in municipio o da casa, per garantire i servizi essenziali e recepire tutte le direttive della giunta e degli organi sovracomunali che si susseguono di ora in ora, li ringrazio per l’impegno che non è per nulla scontato in momenti di paura per la propria salute come questo…

L’Amministrazione comunale è più che mai in campo! Perché nessuno può affrontare il virus da solo, per affrontare il pericolo abbiamo bisogno delle istituzioni collettive, di coesione, di capacità di decisione e di azione! Ma anche della responsabilità di tutti, in una logica di cooperazione che diventa la condizione per affrontare i problemi. Non abbiamo bisogno dei leoni da tastiera e degli improvvisati amministratori del giorno dopo… ma di idee, di lavoro e di collaborazione per affrontare coesi quello che oggi è il nostro nemico comune.

Grazie a tutti i cittadini che in questa logica si stanno impegnando e a tutte le persone oggi in prima linea per il nostro paese!

(foto: il sindaco Mattia Premazzi con alcuni volontari della locale protezione civile)

21032020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome