TRADATE / COMASCO – L’assessore regionale all’Ambiente e clima di Regione Lombardia, il saronnese Raffaele Cattaneo, ha visitato, nei giorni scorsi, il Parco Pineta di Appiano Gentile e Tradate, alla presenza del presidente Mario Clerici e del vicepresidente Rosario Tramontana. Il parco si estende per 4.828 ettari tra le province di Como e Varese. All’interno del parco è attivo un centro didattico e un osservatorio astronomico, luoghi ideali per la divulgazione di progetti di educazione ambientale affidati alle Gev, le guardie ecologiche volontarie.

“Questa visita si inserisce all’interno del progetto di rilancio in questi due anni del servizio delle Gev, che Regione Lombardia ha avviato in questi anni – spiega l’assessore Cattaneo – in un momento in cui la sostenibilità ambientale e la diffusione di una cultura attenta all’ambiente, alla tutela della biodiversità, alla riduzione dell’inquinamento sono al centro delle politiche regionali, nazionali ed europee, ed anche parte della sensibilità di tutti noi. E proprio all’interno del Parco Pineta ho potuto constatare l’attivismo e il lavoro appassionato svolto dalle Guardie ecologiche volontarie, di educazione ambientale e di accompagnamento dei cittadini in percorsi di conoscenza della biodiversità. Un lavoro che è valorizzato dal Parco, che ha saputo organizzarsi anche in questo periodo per poter proseguire con i corsi di educazione ambientale, non solo in presenza, ma anche da remoto”.

“Nella nuova legge regionale di riordino delle Gev, approvata in Consiglio Regionale lo scorso 12 maggio, è stato introdotto il concetto di tutela e di conservazione della biodiversità e di salvaguardia dell’ambiente favorendo la partecipazione dei cittadini alla difesa del patrimonio naturale e paesistico. Proprio per questo, proporrò a breve una delibera – annuncia Cattaneo – in adempimento a questa legge, che consentirà di ripartire i contributi regionali premiando gli enti gestori più attivi e impegnati sul campo. La sostenibilità ambientale è una delle priorità della Giunta regionale e le Gev rappresentano un tassello fondamentale per la salvaguardia della specie, la sensibilizzazione dei cittadini e la vigilanza sugli habitat a rischio e di contenimento delle specie esotiche invasive”.

18072020

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome