VARESE – “Le prenotazioni non funzionano. I centri vaccinali sono vuoti. La Regione faccia chiarezza”. Lo chiede il consigliere regionale del Varesotto, Samuele Astuti del Pd.

“Centri vaccinali vuoti. Su 100 persone attese per la vaccinazione ne arrivano in media 25. Succede in molti punti vaccinali della regione  e non perché le persone  fuggano dalla somministrazione e non per mancanze del personale sanitario,  che, anzi,  sopperisce in ogni occasioni alle mancanze del sistema ma perché in realtà non hanno mai ricevuto la convocazione  che ai punti vaccinali risulta inviata”: è questo solo uno degli ultimi disguidi nell’organizzazione delle prenotazioni delle vaccinazioni anticovid  denunciati dal consigliere regionale del Pd e capodelegazione in Commissione sanità Samuele Astuti che incalza: “Mentre la Lombardia continua a essere  tra le regioni fanalino di coda per la vaccinazione agli insegnanti, al 5 marzo ne erano stati vaccinati l’1% a fronte del 68,5% della Toscana, del 62,2% della Puglia e del 53,1% dell’Umbria, al centro vaccinale di Cittiglio, ad esempio,  dove erano previste  per la vaccinazione 120 insegnanti ieri ne sono arrivati 25 e oggi 2. Gli operatori non avevano a disposizione alcuna lista dei cittadini attesi e quindi non potevano neppure recuperarne il contatto”. Ma anche quando arrivano le convocazioni, come hanno lamentato tante famiglie, sono tardive. ”Gli sms  di conferma- afferma il consigliere dem- arrivano a tarda sera per il giorno dopo,  il che mette in seria difficoltà molti anziani  che non  riescono a organizzarsi per raggiungere il punto vaccinale.  E questo mentre  ad oggi la percentuale degli over 80 vaccinata è ferma la 19% mentre nel Lazio, solo per fare un esempio, è oltre il 43%.”.

“Le prenotazioni saltate- sottolinea Astuti- inoltre comportano uno spreco di vaccini, visto che Moderna e Pfizer,  una volta scongelati, hanno una durata limitata. Questo senza dire della pessima distribuzione delle chiamate: basti pensare che un insegnante di Varese, che insegna a Saronno, è stato convocato solo il giorno primo della somministrazione al punto vaccinale di Como. E questa senza possibilità di cambiare la sede perché  revoche e spostamenti possono essere fatti solo tre giorni prima dell’appuntamento. Lo stesso è accaduto ad alcuni docenti di Tradate mentre alcuni anziani della zona limitrofa a Varese sono stati convocati a Menaggio”. “E’ evidente- conclude Astuti-  che l’organizzazione  è in tilt e l’informazione confusa. Per questo chiediamo alla Regione di chiarire cosa devono fare i cittadini che hanno già prenotato il vaccino sula piattaforma di Aria e  se possono considerare la prenotazione conclusa perché il sistema è ancora attivo o devono rifare la prenotazione sulla piattaforme di Posteitaliane. Chiediamo, inoltre, di sapere che ne è delle dosi Pzifer e Moderna rimaste inutilizzate”.

09032021

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome